Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
11 marzo 2016 5 11 /03 /marzo /2016 18:49

Dietro i bui dell'orizzonte

Qualora la vita davanti a te
venisse e ti trovasse sprovvista di un sorriso,
qualora il tuo cuore non facesse rumore,
tu, amore, non ti fermare
perchè qualora gli angoli di bocca si smarrissero
nella limpidità del giorno, tu, amore, ancorati e prendi
forza dai tramonti,
calcati di luce della nottata,
superati i bui dell'orizzonte e dell'indescrivibile,
traccia i tuoi tratti di tristezza
con l'ardore dei passi dell'anima
di una donna che va lontano, anche lungo
la sua deriva, tu puoi tutto, anche da sola,
vai e non pensare, anche se sarai davvero sola,
non ti fermare, corri amore,
separa le speranze della vanità,
sii te stessa, sarai
abile a scavalcare ogni diga e ogni forma d'ostacolo,
osati addosso il coraggio, versalo in un mare per i tempi oscuri,
rilega la luce e vedrai di nuovo la vita,
legala al tuo tempo e fanne un tempio di benevolenza,
viviti ogni oblio, ma che sia parte voluta.

Dietro i bui dell'orizzonte

Dietro i bui dell'orizzonte

Repost 0
Salvatore ciaramellla - in Poesie e Libri.
scrivi un commento
11 marzo 2016 5 11 /03 /marzo /2016 18:46

Chiove stanott',
me par ca chiagne
stu' ciel e 'amare,
chiov e io me sent strano,
pa gioia ca sent e s' allontana,
Chiove quasi comm' si stesse
mezz'ore miezzo o mar,
chiov e tutt me fa mal.
No, no, nu teng o sale,
nu tengo ch'ella forza dint a vita mi,
cammina senz e suonn,
ormai senz' e te mamma mi,
me manca, me manc tu' mamma
e tutto manca dint a vita mi,
n' dormo, affacciat
a' stu' balcone stanotte, tè cerc chiu do sole anima mi.

Mamma

Mamma

Repost 0
Salvatore ciaramellla - in Poesie e Libri.
scrivi un commento
30 novembre 2015 1 30 /11 /novembre /2015 08:40

Al sole, sul tuo sorgere di vita,
al tempo, ha quella nuvola grigia
a volte efficace, se è messa nel cielo
e sgocciola piogge, è senso di risorse,
al mare, al suo canto mosso, così melodioso,
avvolto nelle onde della vita,
alla melodia dei raggi,
che sbocciano, nei prati e sui fiori,
mentre tu arrivi alando il passo
mio dolce passero felice, sei vita nell'aria,
annunci in volo i mattini,
ti ami nel presente, su tutte le chiare luci dell'alba,
annidi il prossimo coi rami caduti,
pensando al freddo di domani,
con un misero gesto raccolto in un pensiero di paglia sottile,
coltivi e raccogli il prossimo della tua vita,
anche nell'enorme disperazione,
innato passero, dono d'ardore fiorito,
animi sul muro la luce di un tuono,
sorridi tu che sai cinguettarti nei versi, in quest'annunciar di semplice vita.

Sole..

Sole..

Repost 0
Salvatore ciaramellla - in Poesie e Libri.
scrivi un commento
30 novembre 2015 1 30 /11 /novembre /2015 08:37

Stanotte a quale
sogno appartengo,
non lo so, non immagino
nemmeno, forse io potrei
essere un desiderio e
magari il tuo, quel sogno
che hai gettato e che ora stringi,
col rimpianto nelle braccia,
l'attorcigli nella notte,
dal cuscino dentro al cuore,
per me, per questa nostra vita
che affoga in una lacrima
così bastarda, dura e sciolta,
versata e rinchiusa, colma,
scivola la vita e racchiude
ancora tutto di noi,
sullo sfogo del pianto,
ci ha piantato la vita nel dolore,
da un vento d'eterno che ci divide.
Dormi amore, che è così amaro sognare.

Sognare.

Sognare.

Repost 0
Salvatore ciaramellla - in Poesie e Libri.
scrivi un commento
18 novembre 2015 3 18 /11 /novembre /2015 05:06

Morbide
le sue labbra, due ali morbide,
nelle mani due carezze infinite,
tenera, con una voce tenera, che mi accoglie,
lei trasmette
parole alle mie metafore, le dedico il cuor mio,
perché lei è un dolce profumo inciso,
unita da petali
all'aria, lei è la rosa più fresca e adorata
nel giardino dell'anima mia,
bella come pioggia ed io il suo riparo,
che copre nel preludio il senso
del suo tempo,
m'avvento, io l'amo
per davvero e mi conquista
da un balcone d'emozioni
surreali, m'imprime l'anima col chiaro di luna,
lei mi sa chiarire
dentro i pensieri della notte, fa l'indagine
sulla via dei miei dubbi, così il cuore
va e vola via senza mente,
sa solo ubbidire, perché lei ormai è quell'amore,
che m'appartiene.

Frasi e metafore.
Repost 0
Salvatore ciaramellla - in Poesie e Libri.
scrivi un commento
11 ottobre 2015 7 11 /10 /ottobre /2015 17:20

Col sorriso innocente

Conquistarti,
be' basta poco,
non ci vuole
poi tanto,
basta sbirciare il tuo sorriso
al momento giusto,
rubarti un attimo
e curiosarti dentro
col gusto robusto
di strapparti la gonna,
nell'idea più audace
di una mia sciocca fantasia
per farti sorridere
con una battuta,
per poi invogliarti un invito
a cena di sabato sera,
ridendo serenamente e poi,
affermarmi dolcemente
col tatto, nel battito tremante,
la mia idea d'una battuta innocente.

Col sorriso innocente

Col sorriso innocente

Repost 0
Salvatore ciaramellla - in Poesie e Libri.
scrivi un commento
11 ottobre 2015 7 11 /10 /ottobre /2015 17:18

Desideri .

Stringi, stringimi forte, fammi male,
stringimi e fammi sentire,
fammi capire sulla pelle
che di amore si può soffrire e morire.
Stringiti forte a me, che ho voglia di volare e d'esser vera,
ho voglia d'ammirare anche io la luna,
ho voglia di te, di non aver più paura,
voglio desiderare tra le stelle per desiderare te, amore,
sempre te, al mio fianco in tante notti tra fragori,
stringimi nel tuo magnifico sapore,
immenso, amami stravolgimi con la tua voce,
col sorriso negli occhi, bagna i miei di gioie
Si, dammi tutto e fallo col cuore,
perché noi siamo fatti di cure,
siamo due ali nell'anima del sole.
Stringimi amore, non badare alle ore,
perché noi siamo il nostro tempo tra noi non esiste inverno,
siamo un eterno calore, un'infinita estate
sprovvista di odio e di piogge, ma viva di tempeste
splendenti di fiori di primavera e armonia di stelle.
Stringiti alla melodia di me, del mio cuore, amore,
balla e danza tra lucciole e falene,
stringiamoci in tutte le sere all'evenienza
delle carezze, che ci evidenzia forti,
ma tanto fragili dentro, tra tante colpe
inutili passate.
Amami, incidi e lega sul fiume la nostra anima sincera,
stringimi e fammi dimenticare le orme
clandestine del passato,
cancellami le tracce oscure dell'abbraccio di dolore,
fammi sorvolare i pensieri delle lunghe notti vuote,
nel buio dell'incertezza di vivere, occupando solo aria,
stringimi col pensiero del cuore di esser sempre in due, pronti a fare l'amore.

Desideri.

Desideri.

Repost 0
Salvatore ciaramellla - in Poesie e Libri.
scrivi un commento
9 settembre 2015 3 09 /09 /settembre /2015 17:56

Mia amata.

Alzati, mia tenera,
nella forza della mia carezza,
sgualcisci il mio bacio,
stringi forte a te quest'uomo.
Io, il re delle rovine,
ma con te accanto dei sogni,
si, con te il tempo è di giorni
fatti di sogni, io ti vivo,
ti forgio negli occhi e dico ti amo,
io non temo, sono un uomo
vero, reale, si, deciso per te, perché
mi innamoro di te,
non mendico altre parole,
né fandonie, sguscio l'animo
dal profondo, mi apro, son sincero,
ad ogni tuo arrivo, tu mi emani
il tremore, si, quello vero, bello,
forte, io son pazzo della tua luce,
mi accerchio delle tue arie,
si, e me ne frego di tutti,
combatto le invidie
aguzze e le baggianate,
spinte su quelle facce
di amore, ma dall'animo feroce,
loro sono gente permanente.
Tu, invece, sei mia e la tua anima
mi ama e non mente,
è sincera, come la notte,
la mia notte fatta di bui, ma con te è forte più di mille buoi,
non esito notte, che non sa
corrompere il tuo cuscino e
spalancare per te le porte del petto mio,
per donarti dolcezza.

Ad un donna non mendicarle parole d'amore.
Non è vita senza una donna, se per vivere devi rinascere,
per poi saper tornare e morire, in ogni istante sulla sua bocca.

Mia amata.
Repost 0
Salvatore ciaramellla - in Poesie e Libri.
scrivi un commento
11 agosto 2015 2 11 /08 /agosto /2015 20:03

Ciò che dio unisce nessuno separi,

Cosi l'ombra del mare si innalzò in volo e divenne cielo,
le acque di piogge caddero e si udì la tempesta dei tuoni
sulle parole, che poi, dopo secoli, incisero
nell'incito la vanità incitata a sottomettere troppe volte l'esistenza dell'uomo,
sempre affamato e assetato, nel declino dei sui roghi
passati nelle arie delle sue ceneri di vento.
Disperso nei venti, con le sue povere anime
cresciute da credente educato nelle
scritte di speranze, per far soffocare e arrendere i prossimi
giorni liberi nell'annunciata vita di se stesso, un uomo.
Dalle vostre, alle nostre e qualsiasi altre scritte
che non potranno mai essere i giorni futuri, ma solo
esperienze di vita passata su passi già vissuti e avversità del tempo
arreso, oppure reso solido e duro da frasi e altre premunizioni da tesi espresse da pure ombre di fantasia.
Ali agli uccelli che possano volare, allora, io, libero raggiungo in volo un'altra vita, quanto dista il paradiso,
dov'è la via alata degli angeli?
Nella città dell'eden oppure volo sull'altrove e cerco altre lune?
Così, tante volte, da un perchè si svista e nasce l'interpretazione dell'irreale, in molti uomini, tante volte, da secoli
è stata scolpita e narrata una guerra procreata da scritte, dure come la stessa pietra ,dove viene ancora resa la metafora condizionale e mal interpretata, che costringe i gesti inutili a condizionare al di là dell'essere un uomo e il suo pensiero, che è il filo rasato convincente ed illusionista. A volte si ascolta, si legge mentre la mente percepisce e sa barare al corpo tramite il cervello,
che osa, sa convincere nel plagiare la vita umana
ed asseconda i gesti sui giri dei giorni, sviando, nei bivi della propria paura e follia, i passaggi di pensieri nel buio, promettendo un giorno di luce in un paradiso, che sembra sempre che disperda la volontà nel dubbio e si occupi poco del proprio mondo.
Il mondo creato da una soffitta di sole rovente, cosi vago,
che dimentica, nell'andar di via la propria natura e si tatua la morte sul fumo di guerra.
Il mondo, un'anima sospesa con la sua naturevolezza soffocata in un viadotto, per le dimensioni dimenticate dall'uomo,
da secoli in secoli, si va e, andando sempre di più, nello spazio si ghigliottinano le ampiezze del prossimo, il mondo è dell'uomo, è la sua duna di vita.
Agisci, fatti forza, se non puoi alzarti, allora vola con la tua fantasia e salva il tuo mondo perduto, quel tuo piccolo orto di terra sa fare grandi cose, cammina sfinito sulla tua riva come un gabbiano affannato che non si arrende, perchè insegue le tracce del bene e detiene l'amore, lo stringe stretto nella bocca per i suoi figli,
una mensa che dispensa dal mare del loro domani. I suoi figli, in un volo sul cielo dei prossimi che verranno.

Il cielo dei prossimi.

Il cielo dei prossimi.

Repost 0
Salvatore ciaramellla - in Poesie e Libri.
scrivi un commento
7 luglio 2015 2 07 /07 /luglio /2015 05:37

Dinanzi ai tuoi occhi.

Ammetto, io ho te dentro e
riesco a sentirti nel mio cielo,
ti sento forte, mi invadi dentro
e la paura di ammettere,
a te fa tremare l'anima dall'emozione
dinanzi ai tuoi occhi,
quei cristalli luccicanti accesi nel mio cuor.
Amor sai infrangerti nello scorcio di pensieri,
sul passo percepito del sorriso,
sai far ridere i miei giorni nell'ironia dei sogni,
cos'è un tormento?
Un rumore lontano senza ricordo,
cos'è temere?
Forse è soffrire di un forse,
in un pezzo di dolore squarciante,
ma con te non esita
e non esiste il dolore
e non esita l'amore,
anche la luna sogna,
è felice e balla con le stelle,
perché tu doni luci rosse di cure e passioni,
tingi la ruggine di colori
delle vecchie e decadenti pensate
e passate ormai perdute delusioni.
Io, innamorato di te,
la donna dell'eterna passione
che decora l'anima di quest'uomo, ora d'amor è fedele perché sa dir t'amo.

Dinanzi ai tuoi occhi.
Repost 0
Salvatore ciaramellla - in Poesie e Libri.
scrivi un commento

Presentazione

felicia

Link