Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
24 giugno 2014 2 24 /06 /giugno /2014 13:15



GENNARINO GUAGLION AMMARTNAT''
Ossequio!
graziè,
wè! ma quannà spìngl stasèr''
wannà muccatur''rìnd e giaccchètt'',
ca' caverè ce vulèss'' na tàzz'' e bròdì e pùrp!,
M presènt sòng'' Gennarìn guagliòn ammartnat'',
Emigràt ha beneviènt x lavoro,
ìl mie lavoriò consisto,
nèl vennèr emozioniè int'e' lusiosiò cantinè, e' benevientò,
c l'' hu mie strumiènt manndolino,
scusàt o' mie accènt mà!
h beneviènt parlìn divèrs ra napule,
chèll ca' guaràgn avvotè è nù'' bhicchièr e vini,
avvòt còhcch lìr''
è avvòt'' nu penzièr'' gentìl'' ,guagliò'' faccè magnà graziè e dii'',
iò sòng'' nu guagliòn '' ammartnat''
nù'' tèngh'' viziè''
mòrr'' nn ne ghiuòch miè''
mullètt'' a' uso pe spannèr e pànn''
càrt sòng'' quarànt'' quarànt'' femmn''perdèr a cape''
èm l'' unicò viziò miò
h strùmml e quàcch tum tum!
port''bavèr aizàt, e cazùn '' arrepezàt''
femmìn sò'' a passiòn'' mia''
inzòmm so nu guagliòn '' ammartnat''
sènz frùst'' tenghè o rispètt''
subìt'' aiz o'' capièll''
tùtt quann''
Beneviènt è divièrs ra napùle,
è chìn'' e puòrk e vaccarell''
mà! tèn'' nu '' vin buòn''
strd'' sogò strettiò
j carrètt'' aassàj chiù'' gròss''
sasìcc sapurìt'' spicialò''
hoò'' mestièr'' me sembiò chìù difficilò
x fa rìrr'' a gènt'' e chi facilò a farlà chiagnerè,
femmena mì'' ennè o'' mandulin''
quànd io e' accarezz''èsc na fantasià e nù'' castagnar''
nù'' cuòpp'' alless''
vè'' lasciò pubblìc mioeò cù'' sti pochì pensièr e nà'' abbracciè sencier''
Gennarìn ammartnàt''.

Repost 0
24 giugno 2014 2 24 /06 /giugno /2014 11:18

Balconi di vita.

Ammirevole di un' tenero sei mia surreale perla.
M'affaccio dei balconi di vita, in notti stento e sento te,addolcire pur giovane e bella,
danzante Selene, coroni un valzer nel cielo,vicina, lontana al cuor mio,
foce del cielo al fragore dipingi il rumore d'acqua,
e cessa con tremore,si cessa muto il mio respiro,
ode solo la tua amata presenza sospesa planata nel cielo,
di luce,riflessi di pace e melodie di suono puro,
luccichi adorata gemma,intima dell' anima mia.
Luce espressa hai frangenti pensieri si stringono i palpiti dei pargoli lontani,
ed è ferma sul gozzo spinosa la lacrima che punge al declino, destriero malanno,
sol tu soave Selene,sublime al conforto d'appoggio di mia moribonda coscienza.
Si piena solenne in nuda punta di luce.Ti ammiro sei arte divina natura ,
ed elogio dal mare dei balconi di vita, il pregio di sentir ancora un anima di luce ,
io quel vascello posto in relitti, nel peso del tempo,ed affondo alla croce di ignoto amor donna.

Monologo da recitare.
Repost 0

Presentazione

felicia

Link